Pages Menu
Categories Menu

IUVANUM


Iuvanum

Montenerodomo (CH)

SP132, loc. Fonticelle



LA STORIA


L’area archeologica del municipium di Iuvanum è posta tra gli abitati di Torricella Peligna e di Montenerodomo, nel territorio che, un tempo occupato dal gruppo etnico sannitico dei Carricini, è compreso tra il massiccio della Maiella e il fiume Sangro.
In località Santa Maria di Palazzo, a quasi mille metri di altitudine, si conservano i resti di una delle città romane più importanti d’Abruzzo, abitata tra II sec.a.C. e VI sec. d.C., che occupa un sito, dotato di sorgenti, con tracce di frequentazioni più antiche (dall’età del Bronzo) e più recenti (chiesa e convento cistercensi dal XII secolo).
Della città romana, monumentalizzata dopo la guerra sociale (90-88 a.C.) in forza di un piano di urbanizzazione dell’Italia divenuta ager Romanus, resta parte della struttura centrale, organizzata intorno alla piazza lastricata contornata da portici e tabernae e servita da strade basolate che la collegano anche al complesso monumentale sacro, articolato in area templare, con almeno due edifici di culto, e teatro addossato alla collinetta.
Lungo la strada orientale, ai limiti attuali dei resti urbani, furono edificate in epoca tarda le terme.




LA VISITA


L’accesso al Parco Archeologico di Iuvanum è posto lungo la strada provinciale 132, in località Fonticelle; dal piazzale con parcheggio si sale verso il Museo Archeologico, inaugurato nel 2006, che conserva ed espone il materiale archeologico rinvenuto nell’area della città romana e nel territorio circostante. Uscendo dal Museo ci si trova sull’acropoli, che in epoca italica e romana ospitava il luogo di culto con i due templi su alto podio e il sacello retrostante, e che nel Medioevo fu rioccupata dalla chiesa e dal convento di Santa Maria di Palazzo. Scendendo dall’acropoli, seguendo la strada basolata si giunge al foro, la piazza lastricata che costituiva il centro commerciale e politico della città romana, contornata da portici e tabernae, con la basilica e l’augusteum sul fondo, mentre a destra si va verso il teatro, di cui restano la gradinata e l’orchestra in pietra. I quartieri residenziali sono stati individuati ad est della piazza, oltre la via Orientale, all’incrocio della via di Bacco, mentre verso sud sono visibili i resti delle terme.

Per la visita all’area archeologica è possibile scaricare l’app che permette di vedere la ricostruzione tridimensionale della città e degli edifici.



APPROFONDIMENTI →

info



ingresso libero
tel. 0872.960109
visite guidate su prenotazione:
tel. 366.9614546
chiusura: 1°gennaio e 25 dicembre
responsabile della struttura:
dott.ssa Rosanna TUTERI

rosanna.tuteri@beniculturali.it





come arrivare:


in aereo → aeroporto di Pescara
in treno → stazione di Lanciano
in auto → A14 uscita
                     Val di Sangro